closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Cronache attendibili di epidemiche magie

Intervista. Parla la scrittrice Bianca Pitzorno, in libreria con il suo ultimo «Sortilegi», edito da Bompiani. «La mia maggiore ispiratrice è stata suor Maria Celeste Galilei, o meglio le lettere che scriveva al padre dal convento, un vero gioiello letterario e una fonte preziosa di informazioni sulla vita quotidiana e su quello che allora veniva chiamato 'il male contagioso'»

Bianca Pitzorno

Bianca Pitzorno

La passione per la storia e le sue «dimenticanze» non ha mai tradito Bianca Pitzorno, grande frequentatrice di archivi e instancabile lettrice di documenti poco conosciuti. Una passione rimasta vivida negli anni, su cui non si è deposto un granello di polvere e che la convinse, già nel 1984, a scrivere la biografia di Eleonora d’Arborea: era lei la rarissima giudice del Trecento che aveva redatto un codice di leggi di eclatante modernità per la condizione delle donne nella sua epoca. Pitzorno, nata a Sassari nel 1942 ma trasferitasi a Milano (dove vive e lavora) è una scrittrice che ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi