closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Cronaca politica di un’invettiva

Medioevo in conflitto. «L’Ytalia di Dante e dei fiorentini scellerati»: il libro di Amedeo De Vincentiis, edito da Viella, inquadra la situazione di un'epoca e il ruolo intellettuale del poeta

Agli inizi del Trecento, i due grandi poteri universali che si erano affermati nei secoli precedenti, l’impero e il papato, erano arrivati a un momento di crisi e fronteggiavano nuove concezioni sulla liceità del potere sovrano, come quelle espresse in Francia nell’ambito del regalismo. IN TALE CONTESTO, mentre l’Italia era dilaniata dalle lotte fra guelfi e ghibellini, Dante Alighieri componeva il De Monarchia, forse inattuale ma certo vigoroso trattato politico, nel quale tendeva a riconoscere la dignità del ruolo dei poteri imperiali e la loro autonomia da quelli spirituali, sempre, beninteso, nel quadro di una comune dipendenza dalla volontà di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.