closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Crocetta: «Accordo con Confindustria perché era anti-mafia»

Italia. L’ex presidente della Regione Sicilia replica alle accuse. «Mai presi soldi, solo contatti politici». E arriva il sostegno di Musumeci

Rosario Crocetta

Rosario Crocetta

Un «teorema», con aspetti «di pura fantasia». Rosario Crocetta non ci sta a passare come il presidente del «governo parallelo», la cricca che avrebbe condizionato i suoi cinque anni di amministrazione della Regione, con la regia occulta di Antonello Montante, l’ex presidente della Confindustria siciliana arrestato dalla squadra mobile con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. Per l’inchiesta della Dda di Caltanissetta, l’intera legislatura sarebbe stata gestita nell’ombra dai vertici industriali che avrebbero imposto scelte, uomini e pilotato affari. L’ex governatore è indagato per finanziamento illecito dei partiti e concorso in associazione a delinquere finalizzato alla corruzione. In...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi