closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cristiani, fuga dal Sinai

Egitto. Sette omicidi e un video minaccioso dell'Isis spingono i copti ad abbandonare el Arish e le zone controllate dagli uomini del Califfato. Il regime di Abdel Fattah al Sisi appare impotente

L'arrivo a Ismailiyya di cristiani copti fuggiti da el Arish

L'arrivo a Ismailiyya di cristiani copti fuggiti da el Arish

Nabila Fawzi parla con un filo di voce davanti alla telecamera della tv satellitare Sat 7. «Era notte, stavamo per addormentarci quando all'improvviso qualcuno ha bussato con violenza alla porta di casa. Mio figlio ha aperto e gli hanno sparato subito alla testa, dopo qualche secondo hanno ucciso mio marito. Ho urlato perché li avete uccisi? Sono usciti senza dire una parola». Il racconto di Nabila Fawzi, 66 anni, di el Arish, è uno dei più drammatici fatti dalle molte centinaia di cristiani in fuga dal penisola del Sinai sotto la minaccia dell'Isis. Vanno verso quattro governatorati: Ismailia, Qalybiya, Assiout...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.