closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Crescono le pressioni per autorizzare in Italia il vaccino russo Sputnik V

Anti-Covid. È efficace al 91% e gode di ammiratori: dallo Spallanzani agli assessori Moratti e D’Amato. Ma i ricercatori sono scettici, e il dossier non è ancora stato presentato all’Ema. Il dibattito scientifico nasconde una partita geopolitica scomoda per il governo europeista

Il vaccino Sputnik V

Il vaccino Sputnik V

Secondo le tabelle del piano strategico per la vaccinazione anti-Covid, a quasi due mesi dall’inizio della campagna avremmo dovuto disporre di circa nove milioni di dosi. A causa dei ritardi nelle forniture da parte delle case produttrici, le dosi consegnate dalle aziende sono attualmente meno di 4,7 milioni, cioè la metà di quanto previsto. La penuria di dosi apre la strada alla ricerca di alternative. Sul mercato parallelo, circolano vaccini di origine dubbia su cui indaga la magistratura. Poi ci sono i vaccini non autorizzati dall’Unione Europea, ma che in realtà sono già in circolazione. Piace molto, ad esempio, il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi