closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Crack Ccf, Verdini a processo

Affari loro. Il braccio destro di Berlusconi imputato di associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta e truffa ai danni dello Stato per i finanziamenti illeciti ai suoi giornali locali. La sua banca aveva concesso 100 milioni di prestiti senza garanzie.

Il coordinatore forzista

Il coordinatore forzista

Dopo quindici mesi dalla richiesta della procura di processarlo, Denis Verdini è stato rinviato a giudizio per il crack del Credito cooperativo fiorentino. La banca, di cui il coordinatore di Forza Italia era stato presidente per vent'anni, era stata commissariata da Bankitalia nel 2010 e poi avviata alla liquidazione coatta amministrativa. Era l'effetto diretto di una gestione patologica dell'istituto di credito, tale da portare i pm ad accusare Verdini di associazione a delinquere in concorso con il consiglio di amministrazione e i sindaci revisori, bancarotta fraudolenta, truffa ai danni dello Stato per i finanziamenti ricevuti dai giornali locali del suo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi