closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Courage», le lotte in Bielorussia in scena col Belarus Free Theatre

Cinema. Aliaksei Paluyan attraverso la vita di tre attori del gruppo restituisce il sentimento di un Paese. Il quotidiano a Minsk, la piazza, la repressione del regime di Lukaschenko

Una scena del film

Una scena del film

La storia (fuoricampo) inizia qualche tempo prima, nel 2005, quando Nikolai Khalezin, giornalista e drammaturgo, e sua moglie Natalia Kolyada, produttrice teatrale - a cui si aggiunge poi il regista Vladimir Shcherban - fondano a Minsk il Belarus Free Theatre, che già dal nome - Teatro Libero di Bielorussia - dichiara il suo obiettivo: opporsi pacificamente alla censura e alla repressione messe in atto dal regime di Lukashenko. La loro «arma» è appunto il teatro che praticano clandestinamente, con spettacoli in luoghi segreti, all’aperto, nei boschi, in case private, avvisando gli spettatori poco prima - e spesso costretti a cambiare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi