closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Così Sasa cuntava… Il cappellaio ribelle

Ritratti. Autore di canzoni, poeta-operaio, Gennaro Esposito è stato fra i raccontatori di una Storia collettiva di Napoli che affonda a piene mani nel sostrato della cultura orale partenopea

Gennaro Esposito

Gennaro Esposito

«Nato e crisciuto ncopp ‘a Ferrovia/conosco sulo gente ‘e miez a via». Così si presentava Gennaro Esposito, poeta e autore di canzoni, poligrafo eccezionale, il cappellaio r’ò Mercato (per molti anni ha lavorato in un negozio di berretti nella piazza del Carmine), un personaggio d’altri tempi, coi suoi formidabili sonetti del XX secolo, «[/ACM_2]venite appriesso amme dint’’a sti viche/ ve faccio cammenà p’’e tiempe antiche,/ve faccio fa’ nu tuffo int’’o passato/ addò mill’anne fa nce songo nato», classe 1920 , scomparso nel 2004. Dieci anni dopo, la sua famiglia ha voluto ricordarlo con una cerimonia semplice, la dedica di una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi