closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Così la «buona scuola» cancella il Pd nelle urne

Renzi, il gran maestro. "Ho visto e sentito, nelle piazze e sul web, centinaia e migliaia di donne e di uomini che da sempre votavano Pd, dichiarare l’intenzione di non votare più il partito democratico, criticare la sinistra dem per incoerenza e scarsa efficacia e, una parte, applaudire ripetutamente e convintamente i parlamentari del M5S"

Quando nel 2008 il maglio di Tremonti colpì la scuola statale con 8 miliardi (e centotrentamila posti di lavoro) di tagli, con la Gelmini che, smantellando la nostra scuola primaria, tra le migliori del mondo, straparlava di maestro unico, grembiulini e voti in condotta, fummo in molti a pensare che dietro quanto accadeva oltre l’ideologia e le politiche neoliberiste di riduzione della spesa sociale si celasse anche una vendetta politica. Alle elezioni del 2008 il mondo della scuola, un mondo per tre quarti al femminile, aveva costituito il comparto del lavoro dipendente pubblico e privato che aveva espresso una maggiore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.