closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Così Big Pharma vuole archiviare Mandela

Sudafrica. Dagli Usa una campagna contro la riforma della proprietà intellettuale e l’accesso ai farmaci essenziali. 17 anni dopo il «Medicines Act» voluto da Madiba, riesplode la guerra tra leggi di mercato e diritto alla salute. Una iniziativa-spauracchio in vista del voto sudafricano. E c’è già chi parla di «genocidio»

Farmaci retrovirali in un ospedale del Gauteng

Farmaci retrovirali in un ospedale del Gauteng

È la storia che si ripete. La tensione che ritorna, astiosa, tra diritto alla salute e regole del commercio. Nel tempo ha assunto i contorni di una guerra, e di una guerra senza tregua. Correva l’anno 2000 quando la comunità internazionale riunita a Ginevra nella sala del consiglio esecutivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), la stessa in cui la scorsa settimana si è convocata una porzione non irrilevante di paesi, prendeva posizione a sostegno del Sudafrica di Nelson Mandela. Una brutta storia, allora. 139 case farmaceutiche si erano aggregate in un micidiale cartello per sfidare in tribunale il governo sudafricano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.