closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Cosa c’è in ballo al referendum toscano

Sanità. Le «riforme» delle regioni sono una risposta, un po’ disperata, ai tagli del governo. 50mila cittadini toscani dicono no e chiamano al voto contro la legge del governatore Rossi

Un anno fa la Toscana metteva in campo una legge di riordino del suo sistema sanitario pubblico. La stessa cosa veniva fatta, più o meno con gli stessi postulati e le stesse modalità, dalle altre regioni (caso a parte la Lombardia). Questi riordini, chiamati ampollosamente "riforme" rappresentano l’evidenza del senso comune della sanità oggi, cioè sono in pratica la risposta un po’ disperata delle regioni alle politiche di definanziamento del governo e sono per lo più interventi sulla gestione per il contenimento dei costi. Queste "riforme" pongono un reale problema politico. E il tema di fondo è: fino a che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.