closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cortei in tutta la Turchia contro il patriarcato di Stato. La polizia attacca

25 novembre. Donne in piazza in moltissime città del paese. Per le attiviste sono già 345 le uccise dall'inizio dell'anno, per il governo 251. Dopo l'uscita di Ankara dalla Convenzione di Istanbul le cose sono cambiate. In peggio

Barricate della polizia contro il corteo delle donne a Istanbul

Barricate della polizia contro il corteo delle donne a Istanbul

Ieri non c’è stata città turca che non sia stata teatro delle manifestazioni delle donne, nella giornata mondiale contro la violenza di genere. Qui le donne, dopotutto, sono in piazza da anni, a frapporre i loro corpi a un governo che ha fatto del patriarcato strutturale un suo marchio di fabbrica. Lo scorso marzo ha pensato bene di uscire dalla Convenzione di Istanbul, la prima a introdurre strumenti legalmente vincolanti per combattere la violenza sulle donne. Violenze che in Turchia non sono affatto venute meno, nonostante la propaganda governativa abbia descritto la Convenzione come una minaccia alla famiglia tradizionale e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.