closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Corsa contro il tempo per il «green certificate»

Ue. L’idea di fondo è trovare una armonizzazione europea per ripristinare la libera circolazione, ma gli ostacoli sono molti e il rischio è di arrivare a vacanze finite

Aeroporto Charles de Gaulle di Parigi

Aeroporto Charles de Gaulle di Parigi

Non chiamatelo «passaporto». Il sesamo per aprire le porte delle frontiere interne tra i 27 stati membri della Ue (più i paesi che aderiscono a Schengen) si chiamerà green certificate, il semaforo verde che ogni cittadino avrà su un’app o su carta per certificare se è stato vaccinato, se ha un test negativo al Covid recente o se è immunizzato dopo essere guarito. Oggi, l’Europarlamento discute e vota il mandato per aprire in procedura d’urgenza un negoziato con la Commissione, che ha proposto il green certificate il 17 marzo scorso, e il Consiglio, che ne ha approvato l’idea il 14...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.