closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Corruzione: Sarkozy contrattacca

Giustizia. L'ex presidente messo in stato d'accusa dopo 15 ore di interrogatorio e di fermo. Sospettato di aver organizzato una rete di informazione su inchieste giudiziarie a suo carico. Il contrattacco con un'intervista rabbiosa su Tf1 e Europe1: "strumentalizzazione politica della giustizia". Ma per 2 francesi su 3 ha è stato trattato "come un cittadino normale"

Nicolas Sarkozy è stato messo in stato d’accusa per “corruzione” e “concussione” nella notte tra martedi’ e mercoledi’, dopo 15 ore di fermo di polizia e interrogatorio. L’ex presidente ha subito risposto con rabbia per contrastare l’immagine distruttrice della foto sul sedile posteriore di un’auto di polizia nella notte parigina: ieri sera, con una prima intervista da quando non è più all’Eliseo, ha definito “grottesca” la messa in stato d’accusa, su Tf1 e la radio Europe1 ha messo in causa “l’imparzialità” dei giudici. Sarkozy parte a testa bassa contro Hollande e il governo attuale, punta il dito contro “una strumentalizzazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi