closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Cooperazione internazionale, una legge da monitorare

Cooperazione. Reintrodotto il Comitato interministeriale per la cooperazione allo sviluppo, col mandato di assicurare la programmazione, il coordinamento e la coerenza dell’insieme delle politiche e delle attività di cooperazione.

L’Italia finalmente, dopo vent’anni di dibattiti e rinvii, ha una nuova legge per la Cooperazione internazionale allo sviluppo. Approvata in via definitiva dal Parlamento, la 2498/14, introduce indubbie innovazioni rispetto alla precedente legge del 1987, risalente alla guerra fredda, a partire dalla nuova definizione di «Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale» (Maeci) che rende la cooperazione «componente prioritaria e qualificante della politica estera italiana». Il livello di centralità politica è assicurata con la nomina di un Viceministro cui sono delegate tutte le competenze in materia di cooperazione allo sviluppo e a cui fanno riferimento una Direzione generale per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi