closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Contrordine, mezza Toscana resta in zona rossa

Covid-19. Salutare ripensamento della Regione, dopo un confronto notturno con tutti i sindaci interessati. Soddisfatti i medici: “Mantenere Firenze, Prato ed Empoli in fascia alta di attenzione è stato un segno di responsabilità. La situazione nei nostri ospedali non consente assolutamente il passaggio in arancione". Interessati anche i comuni limitrofi del pisano e del senese.

Il presidente regionale Eugenio Giani

Il presidente regionale Eugenio Giani

Alla fine ha prevalso la ragione. Nelle ordinanze firmate ieri mattina da Eugenio Giani, resta in zona rossa per un'altra settimana anche l'area metropolitana di Firenze insieme ai limitrofi comuni senesi e pisani, che vanno ad aggiungersi all'intera provincia di Prato e al comprensorio dell'Empolese Valdelsa. Nel complesso mezza Toscana resta nella fascia più alta di attenzione, perché al di là dell'incidenza cumulativa a sette giorni, che era stata di 230 casi per 100mila abitanti e quindi da zona arancione, la saturazione di posti letto e terapie intensive in tanti ospedali consigliava estrema cautela. “Di comune accordo con il ministro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.