closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Contratti: i nodi sono aumenti, assegno di ricollocazione e scioperi

Nuovo Sistema. Stasera nuovo incontro tra Confindustria e Cgil, Cisl e Uil. Ma l'accordo appare difficile

Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia e il segretario generale della Cgil Susanna Camusso

Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia e il segretario generale della Cgil Susanna Camusso

Un nuovo incontro questa sera, ma l’accordo appare ancora difficile da trovare. Confindustria, Cgil, Cisl e Uil si siederanno al tavolo per tentare di chiudere sul nuovo modello contrattuale cercando di limare il testo. Da parte Cgil però ieri la segreteria confederale (ribadendo quanto deciso dalla riunione dei segretari di categoria alla Conferenza di programma di Milano) ha deciso alcuni paletti molto precisi con richieste di modifica su punti qualificanti: la cancellazione di ogni riferimento all’uso dell’assegno di ricollocazione (invenzione di Pietro Ichino, introdotto nel Jobs act e che Confindustria vorrebbe allargare per gestire tutte le crisi aziendali), sulle sanzioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi