closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Contraddizioni e spinte al futuro nella moderna Tehran

A teatro. Sono tutte straniere le punte di diamante della ventitreesima edizione del Festival delle colline. Pone interrogativi e paure il quadro scolastico di Amir Reza Koohestani in «Summerless»

Un’immagine da «Summerless»

Un’immagine da «Summerless»

Sono straniere le punte di diamante del Festival delle colline (da quest’anno unificatosi istituzionalmente con il Teatro Piemonte Europa di Valter Malosti) alla sua 23° edizione. Sia detto non per esterofilia, ma perché, almeno in queste prime settimane, sono di sapore greco e iraniano i brividi maggiori per lo spettatore. Non solo per la buona qualità degli spettacoli, ma per l’aroma acido e drammatico che entrambi quelle scene emanano. Il gruppo greco Blitz ha ripreso e ampliato, rendendolo più «duro», un suo precedente spettacolo, Late night ovvero il buio profondo che da anni si addensa su un popolo per le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.