closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Conte cambia registro: «La stampa termometro della democrazia»

Ultime ore per decidere la delega all’editoria. Difficile incastro con le Comunicazioni. Fnsi: «Si passi dalle parole ai fatti. Massima discontinuità con Vito Crimi»

Da «casta» a «termometro della democrazia», da «pennivendoli» a «costante stimolo della classe politica». Anche dal discorso del presidente del consiglio Giuseppe Conte a Montecitorio si intuisce che lo sguardo sui «professionisti dell’informazione» è cambiato, in questa seconda fase del governo a 5 Stelle, almeno nelle intenzioni. Lo si capisce di più però dal fatto che raramente prima d’ora, nella costituzione di un nuovo esecutivo, era stata data tanta importanza alla delega all’Editoria e si era assistito ad un tale lavorio da parte degli sherpa dei partiti per incastrare - nell’esercito dei 45 sottosegretari (è il numero massimo possibile) -...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.