closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Confessioni di cuori lacerati che decidono ogni destino

A teatro. Antonio Marras si mette a nudo in 14 azioni con immagini che affondano nelle tradizioni popolari. Uno spettacolo prodotto da Valeria Orani. In scena venti performer che indossano solo biancheria intima: sono i loro corpi a parlare

Scena da «Mio cuore, tu stai soffrendo, cosa posso fare per te»

Scena da «Mio cuore, tu stai soffrendo, cosa posso fare per te»

Antonio Marras è uno stilista di grande nome internazionale, oltre che considerato da molti il più raffinato e «pensante» tra gli esponenti della moda. Capace di grande fantasia e competenza nel proprio lavoro, egli prende ora l’iniziativa di mettersi, in qualche modo, «in scena». Nasce così probabilmente lo spettacolo che è stato mostrato, per ora, solo a Cagliari ed Alghero, prodotto da Valeria Orani con la sua 369 gradi, e con la «complicità» partecipe del Cedac, che ha inaugurato la propria stagione al teatro Massimo proprio con quel titolo. Un titolo preso a prestito di netto da un antico successo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi