closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Con Tariq Aziz scompare un altro pezzo del regime di Saddam

Iraq. L'ex vice premier è morto ieri nel carcere in cui si trovava da 12 anni. Nell'ultima intervista del 2010 ha previsto la frammentazione del paese: «Per 30 anni Saddam ha costruito l’Iraq, ora vittima di America e Gran Bretagna».

L'ex vice premier iracheno, Tariq Aziz

L'ex vice premier iracheno, Tariq Aziz

A suo agio sia con l’uniforme militare che in giacca e cravatta. Così lo descriveva chi lo aveva conosciuto, ai tempi del rais Saddam Hussein. Tariq Aziz (al secolo Michael Yuhanna), ministro degli Esteri e vice premier dell’Iraq, è morto ieri all’età di 79 anni, ucciso da un infarto nella cella della prigione irachena in cui si trovava da 12 anni. Per alcuni era la faccia diplomatica del regime di Saddam, come veniva dipinto nel 2003, quando tentò ogni mezzo politico per impedire l’invasione del paese. Per altri, per l’amministrazione Bush che lanciò la crociata contro il terrore aprendo l’inevitabile...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.