closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Con «il figlio della colpa» Frears attacca la chiesa

Venezia 70. Judi Dench è una splendida «Philomena» per il regista inglese

Judi Dench in Philomena

Judi Dench in Philomena

Era il 2002 quando Peter Mullan vinse il leone d’oro della Mostra con Magdalene, il film che raccontava le angherie che le suore cattoliche infliggevano alle giovani «peccatrici« irlandesi recluse nei loro conventi. Quest’anno Stephen Frears è venuto per raccontare la storia, vera, di una di quelle ragazze: Philomena. Era il 1952 quando la ragazza sempliciotta si fece «tirar giù le mutandine» da un ragazzo divertente e bellissimo. Scoprendo il sesso «che era così bello che non poteva non essere peccato». Ripudiata dal padre, mamma era morta, Phil viene rinchiusa in uno di quei conventi dove partorisce un bimbo e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.