closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Commissione Onu: crimini di guerra a Gaza, intervenga Corte penale internazionale

Margine Protettivo. Reso pubblico ieri il rapporto della Commissione incaricata dal Consiglio dell'Onu per i Diritti Umani di indagare sui 51 giorni di conflitto tra Israele e Hamas nel 2014. La giudice Mary McGowan Davis ha riferito delle responsabilità di Israele ma ha messo sotto accusa anche il movimento islamico. Intanto suscita sdegno nella Striscia la fuga di Mahmoud Salfiti, uno degli assassini di Vittorio Arrigoni

È un'inchiesta di eccezionale importanza quella pubblicata ieri dalla Commissione nominata dal Consiglio dell'Onu per i Diritti Umani per indagare sull'offensiva israeliana "Margine Protettivo" e il conflitto a Gaza della scorsa estate. Un'inchiesta che sarà la base di possibili iniziative della Corte penale internazionale. Tuttavia in essa si scorgono i riflessi delle pressioni diplomatiche esercitate dallo Stato di Israele che, peraltro, una decina di giorni fa si è autoassolto con un rapporto sulla guerra di Gaza in cui addossava ogni responsabilità ad Hamas. Rapporto preceduto da una dichiarazione di "non colpevolezza" di Israele firmata da ex capi di governo, ministri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.