closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Commissione d’inchiesta sulla Laguna mangiasoldi

Grandi opere. Serve chiarezza sui fondi pubblici gestiti per la Laguna dall’84 in poi. E va abolita la «legge Obiettivo», all’origine della corruzione

Vi è un rischio, attualissimo, che accompagna le inchieste della magistratura veneziana sul «sistema MoSE»: che ritiratasi la marea degli arresti, quelli già eseguiti e quelli che verranno, e abbassatasi l’onda dell’indignazione, tutto torni come prima. Ci stanno provando gli attuali vertici del Consorzio Venezia Nuova (CVN), augurandosi che siano «distinte dall’opera eventuali responsabilità personali» e affermando come vada «respinto qualsiasi tentativo di fermare il MoSE». Come osservava l’altro ieri Eddy Salzano sul manifesto, questa vicenda è paradigmatica per ciò che accaduto intorno alle «grandi opere» infrastrutturali. La norma istitutiva della «concessione unica dello Stato», votata dal Parlamento nel 1984,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi