closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Come nasce una teoria del complotto, con l’«assist» della Nasa

On the moon. «Non siamo mai stati sulla luna» di Bill Kaysing (ex-dipendente della Rocketdyne che produceva i motori per i razzi della Nasa): un saggio autoprodotto nel 1976

«A parte il fatto che milioni di persone hanno visto in diretta le sequenze Apollo in televisione o l’hanno ascoltata in radio, forse il materiale lunare è la prova più inconfutabile che nessuna missione lunare fosse una finzione». Comincia così, nel 1977, la prima nota ufficiale della Nasa per rispondere alle teorie negazioniste sull’allunaggio. Sono due paginette diffuse a mezzo stampa in cui l’ente spaziale americano si limita a spiegare le ragioni per cui non è presente alcun cratere provocato dai motori di discesa del modulo lunare. È la risposta diretta a Non siamo mai stati sulla luna. Una beffa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.