closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Come fa il governo a colorare di arancione il disastro in Calabria?

Il generale Figliuolo, commissario per l’emergenza covid-19, e l’ingegner Curcio, capo della Protezione civile, a Catanzaro

Il generale Figliuolo, commissario per l’emergenza covid-19, e l’ingegner Curcio, capo della Protezione civile, a Catanzaro

Dissolta la tempesta mediatica nazionale seguita al tragicomico balletto dei commissari alla Sanità, la Calabria è uscita dal cono di luce che ne aveva illuminato lo stato disastroso. Eppure la situazione, da qualche settimana, non è più come quella della primavera dell’anno scorso, quando, dalla Calabria, ancora abbastanza preservata dal virus, assistevamo ai drammatici fatti della Lombardia. Ora siamo colpiti anche qui nello stesso straziante modo. Negli ospedali non c’è più posto, i pazienti Covid vengono dirottati in altre regioni, alcuni muoiono nelle ambulanze, molti altri, soprattutto anziani, muoiono a casa senza neppure la grazia di un tampone, senza una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi