closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Colombia, repressione continua. E a Bogotà il sindaco dichiara il coprifuoco

Colombia. Almeno tre poliziotti sono stati uccisi e sette sono rimasti feriti, in un attacco con esplosivi avvenuto venerdì notte contro una stazione di polizia a Santander de Quilichao, nel Cauca. Un attentato che tuttavia «non è in relazione con le proteste antigovernative»

L'attentato di ieri in Colombia

L'attentato di ieri in Colombia

Non è terminata con l'enorme sciopero nazionale di giovedì scorso la mobilitazione del popolo colombiano contro il governo di Iván Duque. E insieme alle proteste - proseguite anche il giorno successivo con scontri e blocchi stradali, e con un secondo e altrettanto sonoro cacerolazo - è continuata, inasprendosi, anche la repressione. Per «garantire la sicurezza di tutti gli abitanti della capitale», minacciata dalla persistenza di scontri e saccheggi, il sindaco di Bogotà Enrique Penalosa ha perfino disposto il coprifuoco dalle nove di sera, annunciando il dispiegamento di 4mila soldati e di diversi corpi della polizia, i quali avrebbero eseguito già...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.