closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Colombia, pugno di ferro contro lo sciopero generale

Bogotà. Scontri tra polizia e manifestanti, due morti e oltre 150 feriti

Manifestazione a Bogotà

Manifestazione a Bogotà

Militari e coprifuoco: a Bogotà e in tutti i municipi «in cui si verifichino disturbi» e si renda necessario «ripristinare la viabilità». Lo ha annunciato il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, dopo gli scontri tra manifestanti e polizia che si sono verificati giovedì nella capitale e che hanno provocato 2 morti e oltre 150 feriti. La marcia era stata indetta per sostenere il "paro agrario", lo sciopero nazionale a oltranza che sta paralizzando il paese dal 19 agosto. Contadini, trasportatori, minatori informali, operai, studenti, insegnanti, medici si sono mobilitati in tutto il paese, dando voce a uno scontento accumulato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi