closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Col pregiudizio non si gioca. Storie di donne olimpiche

1926-2016. Dall’impresa di Gertrude Ederle, che il 6 agosto di novant'anni fa attraversò la Manica a nuoto strappando il record a un uomo, alla parità totale delle Olimpiadi di Rio

Mildred Babe Didrikson

Mildred Babe Didrikson

Alle 21.04 del 6 agosto 1926, la diciannovenne Gertrude Ederle toccò la spiaggia inglese di Kingsdown, diventando la prima donna a traversare La Manica a nuoto. Compì l’impresa in 14 ore e 34 minuti, ribassando di oltre due ore il primato detenuto dall’argentino Enrique Tiraboschi. Nata a New York da genitori tedeschi, Ederle aveva imparato a nuotare a nove anni e solo dai quindici cominciò ad allenarsi seriamente. Alle Olimpiadi parigine del 1924 vinse un oro nella staffetta veloce e due bronzi individuali. La sua fortuna era stata di far parte dell’Associazione Natatoria Femminile newyorkese, la stessa da cui sarebbe...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.