closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Col «decreto dignità» Di Maio cerca di riprendersi la scena

Il Ministro del Lavoro. Il vicepremier annuncia norme per tutelare i rider, anti delocalicazzazioni e gioco d’azzardo. Il mantra però è l’equidistanza fra datori e lavoratori: «Premiare le imprese sicure»

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio

Sparito nel giorno della buriana «stadio della Roma», Luigi Di Maio ricompare e cerca di riprendersi la scena in un governo finora completamente a trazione Salvini. Lo fa annunciando «il decreto dignità» da «presentare al più presto nel primo consiglio dei ministri politico» in cui mettere assieme provvedimenti molto diversi: le tutele per i rider e per tutti i lavoratori digitali, fantomatiche - come i predecessori del Pd, il neo ministro fa conferenze stampa senza domande - «revisioni al Jobs act», revisione dello spesometro, «rinvio della fatturazione elettronica per i benzinai», «lo stop alla pubblicità sul gioco d’azzardo» e infine...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.