closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Visioni

Claudio Lolli e il male moderno

Note sparse. Si intitola «Il grande freddo» il disco che otto anni dopo ripropone il grande autore, che ora sente la necessità di raccontare l'individualismo del secondo millennio

Claudio Lolli

Claudio Lolli

Il poeta è solo e le speranze ridotte al lumicino dalla metafora che arriva diretta dal titolo dell’album, Il grande freddo (citazione del film di Kasdan), l’ultimo lavoro di Claudio Lolli, dopo quasi otto anni di silenzio. Le passioni degli anni ’70 sono finite e il cantautore sente la necessità di raccontare l’individualismo imperante, la disastrata situazione politica e la donna. Sempre in linea con la tradizione di poeta libertario alla Piero Ciampi, del cantautorato impegnato francese, del messaggio colto, delle osterie dove scrivere e confrontarsi, Lolli resta un profeta che preferisce smarrirsi. Un'accoppiata particolare quella di Lolli e l’etichetta La...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.