closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Civitavecchia, non si esce dai fossili con il metano

Transizione ecologica. Oggi, in sintonia con le manifestazioni di Fridays for Future, si mobilitano i gruppi di Civitavecchia. Fiom Uilm e Usb indicono 2 scioperi di 2 ore a turno a sostegno del progetto

La centrale di Civitavecchia

La centrale di Civitavecchia

L’Italia ha assunto l’impegno di fuoriuscire dal carbone entro il 2025. Ma tutto lascia presumere che il «phase-out» verrà perseguito spacciando per decarbonizzazione la sostituzione dei fossili più inquinanti con il metano. Il gas è tutt’ora in cima ai piani strategici di Eni, che punta a sostenere il suo business con il sequestro del carbonio (Ccs): una tecnologia insicura, contraria al principio di precauzione, costosa sia in termini economici che di consumi, e sostanzialmente mai testata su scala industriale. Ma trova la complicità di Enel Italia – mentre Enel Group all’estero investe solo in rinnovabili! – perché il rischio dell’investimento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi