closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Cinema e rivoluzione, una voce per chi non l’ha mai avuta

Green Team. TaiwanDocs ha dedicato una retrospettiva ai film del collettivo militante dell’Isola, attivo fra 1986 e 1990

Sul finire degli anni Sessanta, il regista e saggista cubano Juan García Espinosa scriveva che il cinema deve tendere ad essere imperfetto, mescolando cioè arte e vita, abbattendo le distinzioni fra autore e spettatore, creando allo stesso tempo spazi di proiezione alternativi, e diventando quindi popolare, ma non consumistico. Vent’anni più tardi questa idea di cinema trovava nuova linfa dall’altra parte del mondo, a Taiwan, quando per quattro anni si è declinata nei lavori di video-attivismo del gruppo che si faceva chiamare Green Team. Nelle scorse settimane, delle proiezioni speciali online organizzate da TaiwanDocs, associazione per la promozione del cinema...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.