closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Cindy Sherman, inediti travestimenti

La mostra. Fino al 3 gennaio alla Fondation Louis Vuitton, «Cindy Sherman. Une rétrospective (1975-2020)»

Cindy Sherman, «United Film Still 84» 1978

Cindy Sherman, «United Film Still 84» 1978

Nell’aria non c’è lo strano, eccitante, profumo come di giardini del sud, né la melodia sacra italiana suonata da un armonium, ma le sale dalle pareti colorate delle gallerie 1, 2 e 4 della Fondation Louis Vuitton di Parigi sono attraversate da una tensione molto simile a quella descritta da Arthur Schnitzler in Doppio Sogno. Protagonista di questo ipotetico ballo in maschera «in una notte piena di segreti» è Cindy Sherman nei suoi travestimenti noti, insoliti e in parte inediti. All’artista statunitense nata a Glen Ridge, New Jersey nel 1954 (vive e lavora a New York) è dedicata la mostra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi