closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cile, le ferite aperte di un paese diviso

1973-2013. Nell'anniversario del golpe, molti fanno mea culpa ma in pochi chiedono scusa. Scontri e dibattiti a quarant'anni dal colpo di stato di Augusto Pinochet

Cile, 11 settembre '73, oppositori rinchiusi negli stadi della capitale

Cile, 11 settembre '73, oppositori rinchiusi negli stadi della capitale

La faglia che corre lungo la costa cilena da Arica a Puerto Williams sembra essere un avvertimento nascosto: attenti, sotto la superficie, permane la rottura. È così, molti cileni hanno approfittato di questi 40 anni dal colpo di Stato per tornare a parlare della dittatura, a tavola o al lavoro; tanto più l’hanno fatto, quanto più hanno capito che ci vorrà ancora tempo per arrivare alla pace che in fondo desiderano. Infatti, a dispetto delle mille bandiere cilene che sventolano sui davanzali e sulle auto, di Cile ce ne sono ancora almeno due e forse anche di più. Due sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi