closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cia, Gina Haspel fa «autocritica» sulle torture

Audizione al Senato Usa. Appena nominata direttore deve difendersi da accuse per il waterboarding nel 2002 in Thailandia

Gina Haspel con Jared Kushner, genero di Donald Trump

Gina Haspel con Jared Kushner, genero di Donald Trump

È cominciata la testimonianza preliminare al Congresso di Gina Haspel, nominata direttore della Cia. Davanti alla commissione Intelligence del Senato, Haspel ha cominciato parlando sia della sua partecipazione, nel 2002, a interrogatori tramite torture e waterbording in Thailandia, sia della distruzione di circa 100 videocassette dove erano filmate queste pratiche, dichiarando di aver alzato i propri standard etico morali, da allora. Ad essere sottoposto a questo tipo di interrogatori è stato anche Khalid Shaikh Mohammed, principale architetto degli attacchi del 9/11, e alla vigilia dell’audizione di Haspel proprio lui è stato artefice di una nuova svolta, chiedendo a un giudice...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi