closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cia, Gina Haspel fa «autocritica» sulle torture

Audizione al Senato Usa. Appena nominata direttore deve difendersi da accuse per il waterboarding nel 2002 in Thailandia

Gina Haspel con Jared Kushner, genero di Donald Trump

Gina Haspel con Jared Kushner, genero di Donald Trump

È cominciata la testimonianza preliminare al Congresso di Gina Haspel, nominata direttore della Cia. Davanti alla commissione Intelligence del Senato, Haspel ha cominciato parlando sia della sua partecipazione, nel 2002, a interrogatori tramite torture e waterbording in Thailandia, sia della distruzione di circa 100 videocassette dove erano filmate queste pratiche, dichiarando di aver alzato i propri standard etico morali, da allora. Ad essere sottoposto a questo tipo di interrogatori è stato anche Khalid Shaikh Mohammed, principale architetto degli attacchi del 9/11, e alla vigilia dell’audizione di Haspel proprio lui è stato artefice di una nuova svolta, chiedendo a un giudice...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.