closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Chi rientra prima nell’accordo perde: braccio di ferro Usa-Iran

Golfo. Teheran minaccia le ispezioni dell’Aiea, Biden pone condizioni alla fine delle sanzioni. Ieri vertice online tra Blinken e gli europei. Rohani ha fretta: a giugno si vota

Il presidente iraniano Hassan Rohani

Il presidente iraniano Hassan Rohani

Alla fine Joe Biden, dopo quasi un mese nello Studio ovale, ha alzato il telefono e ha chiamato Benyamin Netanyahu. Dopo un’attesa snervante, il premier israeliano ha incassato un colloquio «caloroso e amichevole». Un’ora in cui la parte del leone l’ha avuta suo malgrado l’Iran. Il presidente Usa ha rassicurato: «Saldo impegno per la sicurezza di Israele». LA TELEFONATA è giunta alla vigilia dell’incontro online di ieri tra i ministri degli esteri di Francia (Le Drian), Germania (Maas), Gran Bretagna (Raab) e il neo segretario di Stato Usa Blinken. Primo e unico punto all’ordine del giorno gli strumenti per rivitalizzare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi