closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Chi ha paura del musical?

Visioni/Una sequela di film horror in cui sono le canzoni a creare atmosfere «da paura». Tra i titoli più celebrati «The Rocky Horror Picture Show», un travolgente mix di sesso e rock’n’roll, e «Il fantasma del palcoscenico» di Brian De Palma. Occhio ai flop diventati poi oggetti di culto, da «La piccola bottega degli orrori» a «Shock Treatment» fino a «Repo! The Genetic Opera»

Una scena dal film «The Happines of the Katakuris»

Una scena dal film «The Happines of the Katakuris»

La cosa che meglio rappresenta il cinema horror, oltre ovviamente alle storie «da paura», è la musica che sale sempre più inquietante, come, tra gli esempi più classicie e noti, la Tubular Bells di Mike Oldfield per l'immortale cult L'esorcista. Di certo da una pellicola del terrore anche lo spettatore più smaliziato non si aspetterebbe un'opera di Broadway con ballerine, coreografie danzerecce e interi momenti dedicati alle canzoni. Eppure il cinema è un caleidoscopio di colori, di idee e invenzioni, a volte così inaspettato che arriva a varcare le soglie dell'incredibile, come nel caso dei musical horror, un pugno di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.