closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Pd, chi aspetta obbedendo

Sinistra Pd. Se Renzi vince la sinistra interna farà testimonianza, se Renzi perde verrà travolta dalle macerie. E’ preferibile un disegno esplicito di rottura, con una guerriglia aperta sulle riforme

Ormai di tempo per prendere le misure del fenomeno Renzi, la sinistra Pd ne ha avuto abbastanza. E, a meno di una consapevole volontà di rassicurazione che poggia però sul niente, dovrebbe aver percepito che uno spazio per la mediazione è impossibile. Renzi peraltro non lo cerca, si vanta di aver “spianato” i reduci, schiaffeggiato le loro bandiere, umiliato la loro piazza. L’offerta di una tregua è una sterile invocazione, quella di non infierire troppo, rivolta dagli sconfitti allo spietato castigatore.

Renzi non è interessato alla costruzione di un partito strutturato, retto cioè da una logica unitaria e da una leadership rispettosa delle differenze interne. Rivendica solo una fedeltà personale, con scene ordinarie di una obbedienza conformistica al capo. Egli non mostra alcuna preoccupazione per i compiti di coesione propri di una direzione politica autorevole. Renzi vuole solo comandare con collaboratori dalla schiena curva, non dirigere una organizzazione complessa. Chi non si adegua alla sua inesorabile strategia di edificare una variante del partito personale, non più a matrice aziendale ma non per questo sprovvisto di fonti ingenti di approvvigionamento mediatico-finanziario che lo rinsaldano al potere, è destinato ad essere schiacciato, senza pietà.

E’ per lui inutile ogni visibile segno di autonomia, qualsiasi voce critica farebbe solo ombra alla sacralità del capo che in solitudine interpreta gli umori profondi del popolo ostile all’élite. La pretesa di dominio è così assoluta che non esita a spezzare ogni stabile radicamento del Pd nella componente, quella del lavoro, peraltro maggioritaria della sua antica coalizione sociale. Identità, radici sociali, forma partito, cultura delle istituzioni: davvero tutto separa la sinistra del Pd da Renzi e proprio nulla la unisce a un capo che persegue un disegno, sempre più esplicito, di edificare un potere personale a forte traino populista e ben protetto dal quasi totale conformismo dei media.

Questo esplicito piano di semplificazione a sfondo cesaristico-mediatico è fortemente regressivo, incompatibile con la cultura della sinistra e andrebbe perciò ostacolato, in ogni modo efficace. La vittoria di Renzi non coincide con il successo della sinistra. Certo, la situazione è per la minoranza assai paradossale, perché la obbliga a districarsi tra un male maggiore e un male minore. Se vince Renzi, finisce la politica e viene sancita l’eutanasia di ogni aspirazione alla rinascita di una qualche democrazia dei partiti. Se perde, non dopo una battaglia trasparente ma perché tramortito dalla forza delle cose, dalle sue macerie verrà travolta anche la sinistra interna, rovinata dal suo vano attendismo. E’ infatti un’illusione aspettare obbedienti, e solo con qualche riserva, dalle retrovie che il folle piano vada a sbattere e immaginare di riprendere a camminare a testa alta subito dopo il fragore rovinoso da tutti avvertito.

E’ preferibile perciò un lavoro politico consapevole, un disegno esplicito di rottura che accompagni Renzi alla resa. Nello svuotamento delle residuali divisioni politiche tutte ospitate in un indistinto partito della nazione (in effetti Renzi potrebbe essere, con pari credibilità, leader di uno qualsiasi dei tre non-partiti oggi esistenti), si consoliderebbe altrimenti un sistema informe e retto da un profilo pseudo carismatico difficile da scalfire una volta consolidato al potere.

Machiavelli notava che in politica «si cava una regola generale, la quale mai o raro falla, che chi è cagione che uno diventi potente, ruina». E nella rapida, quanto sinora incontrastata, ascesa di Renzi alla condizione di «potente», anche i suoi avversari interni sono la «cagione» del tanto dominio in fretta accumulato. Prima sollecitando in direzione un cambio di passo rispetto a Letta, e poi votando in aula una fiducia “critica” alla delega all’esecutivo per la soppressione dell’articolo 18, la minoranza del Pd ha consentito al renzismo di incassare dei grandi attestati di potenza e con tali incaute mosse rischia forse di aver sancito la propria «ruina».

Il timore di una crisi di governo ha paralizzato qualsiasi disponibilità alla prova di forza su una grande questione identitaria (diritto di licenziare come arma della modernizzazione e della riduzione di ogni dignità al lavoro). Sinora la minoranza del Pd ha evitato di portare lo scontro nella sola zona di criticità esistente per Renzi, cioè nei gruppi parlamentari, non ancora del tutto omologati ma anch’essi prossimi alla resa nel miraggio di una ricandidatura. E così ha spianato la strada al disegno di un potere a conduzione personale senza mai lanciare dei sassi, colpire di sorpresa, tendere agguati. Machiavelli avvertiva che in politica «è meglio fare et pentirsi che non fare et pentirsi».

La scissione allora? Non è detto che essa accada. La tattica prevale sulla strategia in queste scelte. Escluderla in linea di principio è però di sicuro una castrazione preventiva della possibilità di ostacolare un tragitto regressivo che conduce verso il dominio di una persona priva di opposizioni, limiti, controlli e alla sicura archiviazione a tappe successive della forma di governo parlamentare. Ogni pratica scissionista deve valutare, con distacco, la presenza di una condizione indispensabile. Machiavelli chiarisce bene la questione, che vale per ogni costruttore di una cosa nuova: «esaminare se questi innovatori stanno per loro medesimi, o se dipendano da altri: ciò è se per condurre l’opera loro bisogna che preghino, o vero possono forzare».

Insomma, su cosa, su quali forze reali, potrebbe poggiare l’iniziativa per imporre, nella lotta aperta contro la degenerazione del politico, una autonoma forza della sinistra? La frattura sociale sui temi del lavoro, il possibile sciopero generale come radicalizzazione della contesa, offrono una occasione propizia ovvero aprono la giuntura critica per rompere. Il rapporto organico del nuovo soggetto politico con il sindacato evoca uno scenario quasi rovesciato rispetto al rapporto tra soggetto politico e organizzazione sociale dominate nella storia repubblicana. E però anche una tale formazione ad ibridismo politico-sindacale (sulla scorta più della vicenda inglese che di quella continentale) non farà strada senza una grande cultura politica, non minoritaria e di mera protesta.

Nella assai frantumata minoranza Pd forse prevarrà una linea più attendista (la guerriglia sulle riforme elettorali e istituzionali è però meno dirompente e mobilitante come reazione allo sfregio simbolico perpetrato da Renzi sull’esplosivo tema identitario del lavoro). Se comunque questa via della imboscata parlamentare prevarrà, almeno con essa si punti a bloccare l’unica condizione per il successo dello statista di Rignano, cioè l’Italicum comunque ritoccato (con il rialzo delle soglie e il voto di preferenza). Senza il premio di maggioranza in mano, Renzi ha le ali spuntate e la sua pistola del ricatto diventa scarica.

Guerriglia aperta sulle riforme, dunque, e in più un ristretto ma coeso gruppo di contatto al senato (che mostri che senza di esso il governo non ha i numeri a Palazzo Madama), possono creare degli ostacoli, scavare trappole affinché “pié veloce” inciampi. Le tattiche possono variare. Quello che non muta è però l’obiettivo. Renzi va sconfitto. E da sinistra.