closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Che fare? Il maker

Maker Faire a Roma. Strategie. I miracoli non esistono, ma anche in contesti meno malandati del nostro, si guarda al movimento dei makers come a un possibile "nuovo capitalismo"

Torna a Roma la seconda edizione europea della Maker Faire, il “luogo dove gli innovatori del terzo millennio mostrano i progetti a cui stanno lavorando e condividono il sapere tecnologico e artigiano”. La fiera, perché di questo si tratta, è iniziata ieri all'Auditorium Parco della Musica e si concluderà il 5 ottobre. Nelle sale disegnate da Renzo Piano vengono ospitati circa 600 espositori da 33 paesi. Loro preferiscono però chiamarsi “makers”, perché all'applicazione massiccia delle tecnologie digitali associano l'orgoglio degli artigiani tradizionali – la cultura del fare, che in inglese si dice appunto “make”. Le invenzioni che si possono toccare con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.