closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Charleroi, la Detroit d’Europa

Reportage. Negozi chiusi, fabbriche dismesse e devastazione ambientale. Nell’ex cuore siderurgico e minerario del Belgio un cittadino su quattro vive del sussidio di disoccupazione, quasi la metà della popolazione non ha un titolo di studio, le malattie causate dal lavoro mietono vittime e metà del patrimonio immobiliare è in stato di abbandono. Ecco cosa accade quando muore una città industriale

Charleroi, Belgio

Charleroi, Belgio

Il campanile della cattedrale di Charleroi è stato dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’umanità, così come la miniera ora musealizzata della vicina Marcinelle, ormai un sobborgo del capoluogo, dove la mattina dell’8 agosto del 1956 un incendio a quasi mille metri di profondità uccise 262 «musi neri», 136 dei quali italiani. Attorno è il disastro. Nella bella e spaziosa piazza centrale due bar sono affollati a tutte le ore di gente di tutte le età e provenienze. Sono le quattro e mezza di un giorno feriale e nessuno sembra essere al lavoro, ma se si leggono i dati sulla disoccupazione in città...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi