closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Cgil, uno statuto dei lavoratori per una nuova cittadinanza sociale

Corso Italia. Il sindacato ha approvato una carta dei diritti universali del lavoro e sembra finalmente aprirsi alle tutele universali per tutti i dipendenti e gli indipendenti. I ritardi sindacali, la poca consapevolezza dei cambiamenti del lavoro da parte della sinistra: oggi siamo ancora in tempo per inaugurare una nuova stagione del diritto del lavoro

Il segretario della Cgil Susanna Camusso

Il segretario della Cgil Susanna Camusso

Il Comitato direttivo nazionale della Cgil ha approvato la Carta dei diritti universali del Lavoro, definito anche Nuovo statuto delle lavoratrici e dei lavoratori, un documento che sarà sottoposto a una consultazione. Nel testo, nato dalla discussione che ha coinvolto i vertici del sindacato, si intuisce l’ambizione di scrivere un «nuovo» diritto del lavoro come risposta alle famigerate «riforme» dell’ultimo ventennio e il definitivo smantellamento dello Statuto dei lavoratori del 1970. Dagli anni Novanta del «Pacchetto Treu» e dell’introduzione della Gestione Separata Inps, ai professorali e avventati (si pensi agli «esodati») interventi di Elsa Fornero, fino al fiume di decreti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.