closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

C’era una volta Zanda, quando la libera opinione valeva contro Berlusconi

Il capogruppo del Pd in senato Luigi Zanda

Il capogruppo del Pd in senato Luigi Zanda

Di episodi ce ne sono molti. Ma forse il più utile per misurare la «conversione» di questi giorni del senatore Luigi Zanda risale al novembre del 2010. Erano i giorni in cui un gruppo di parlamentari del Pdl vicini a Gianfranco Fini si preparavano a votare contro il governo di Silvio Berlusconi. Berlusconi naturalmente non ci stava. «I parlamentari eletti nel centrodestra - diceva l’allora Cavaliere - saranno costretti a sostenerci con i loro voti sino al completamento della legislatura, chi non lo farà si assumerà la responsabilità di aver tradito gli elettori». Insomma: valgono i voti e niente altro,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi