closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

C’era una volta Zanda, quando la libera opinione valeva contro Berlusconi

Il capogruppo del Pd in senato Luigi Zanda

Il capogruppo del Pd in senato Luigi Zanda

Di episodi ce ne sono molti. Ma forse il più utile per misurare la «conversione» di questi giorni del senatore Luigi Zanda risale al novembre del 2010. Erano i giorni in cui un gruppo di parlamentari del Pdl vicini a Gianfranco Fini si preparavano a votare contro il governo di Silvio Berlusconi. Berlusconi naturalmente non ci stava. «I parlamentari eletti nel centrodestra - diceva l’allora Cavaliere - saranno costretti a sostenerci con i loro voti sino al completamento della legislatura, chi non lo farà si assumerà la responsabilità di aver tradito gli elettori». Insomma: valgono i voti e niente altro,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.