closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Cento piazze e «un’invettiva», la Cgil per la libertà delle donne

Mobilitazione nazionale. Susanna Camusso spiega: Le parole sono armi contro le donne, spesso le narrazioni di stupri e femminicidi sono tossiche, vogliono ricacciarci indietro, ma non passerà

«Le parole possono essere armi, parole stravolte nel loro senso e che finiscono per essere usate contro le donne, come abbiamo visto in tutto il mese di settembre. E proprio non si può lasciarlo passare». Susanna Camusso, leader della Cgil, spiega così, sotto il palco di piazza Venezia, il senso della giornata di mobilitazione del principale sindacato per protestare contro la violenza sulle donne, la depenalizzazione del reato di stalking, e più in generale contro una narrativa tossica per cui stupri e femminicidi diventano spesso un processo alle vittime: cosa indossavano, erano troppo allegre, avevano bevuto, troppo nottambule, avevano un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.