closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Cenerentola e l’eredità rossiniana dell’opera buffa

Musica. A chiusura del centocinquantenario dalla morte del grande compositore, va in scena uno dei suoi titoli più noti

Marianne Crebassa

Marianne Crebassa

A sigillare la definitiva chiusura del centocinquantenario dalla morte di Gioacchino Rossini, dopo avergli tributato una mostra a cura di Pier Luigi Pizzi, il Teatro alla Scala ha in cartellone fino al 5 aprile La Cenerentola ossia La bontà in trionfo, nell’allestimento storico ideato da Jean-Pierre Ponnelle nel 1971 per il Maggio Musicale Fiorentino, andato in scena per la prima volta a Milano due anni dopo con la direzione di Claudio Abbado (cui è dedicata la prima dell’opera, a cinque anni dalla sua scomparsa) e replicato per l’ultima volta nel 2005, sempre nell’edizione critica della Fondazione Rossini di Pesaro curata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.