closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Celebrazione della musica che accoglie le differenze

Festival. Fabrizio Bosso e il collettivo della Banda Osiris, Nils Petter Molvaer e il suo gruppo, Palle Mikkelborg. Si è chiusa ieri la sesta edizione del Torino Jazz, con oltre 22.000 presenze.

Nils Petter Molvaer

Nils Petter Molvaer

Il jazz come musica che «accoglie le differenze di linguaggio dall’Europa all’Asia, passando per una immaginaria via della seta e che si pone come metafora di una grande apertura culturale e sociale». Parole di Giorgio Li Calzi, musicista e direttore artistico del Torino Jazz festival, la cui sesta edizione si è chiusa ieri con migliaia di presenze (oltre 22.000) e una serie di ripetuti sold out. A far da palcoscenico ai concerti molti luoghi della cultura del capoluogo piemontese, come il conservatorio Giuseppe Verdi dove Terje Rypdal ha portato - in una delle esibizioni più applaudite – il suo quartetto....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.