closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

C’è il «contratto» di governo, mancano i punti più importanti

Ogni promessa è debito. Di Maio e Salvini verso la firma del programma. Retromarcia su euro e debito. I nodi: migrazione, grandi opere, sicurezza e Ue

Manifestazione al Pirellone

Manifestazione al Pirellone

Verso l'imbrunire i soci in giallo e quelli in verde seduti da sei giorni intorno al tavolo per stilare un contratto di governo che potrebbe passare per le mani del notaio, oltre che per quelle del capo dello Stato, si abbracciano. Il parto delle loro fatiche è pronto. Restano in sospeso sei capitoletti non proprio secondari sui quali l'accordo ancora latita. A Salvini e Di Maio l'onere di quadrare il cerchio nella notte. “Ci sono ancora appena sei righe”, minimizza Rocco Casalino. I punti in discussione rappresentano in realtà il grosso del programma di un governo: rapporti con la Ue,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi