closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cautela dell’Europa, sostegno dalla Russia

Turchia. Governi europei e Bruxelles optano per la strategia dell'attesa. Non l'Austria che chiede di bloccare il processo di adesione della Turchia alla Ue. Mosca non vuole intromettersi per non compromettere il riavvicinamento ad Ankara

La cancelliera tedesca Merkel e il presidente russo Putin

La cancelliera tedesca Merkel e il presidente russo Putin

L’Europa viene chiamata subito in causa dal risultato del referendum in Turchia: è l’Hdp, il partito di sinistra filo-kurdo, impossibilitato a fare campagna elettorale e con la leadership decapitata mesi fa, a chiedere l’intervento della Corte europea dei diritti umani. Se la commissione elettorale turca non annullerà le schede senza timbro, fa sapere l’Hdp, ci rivolgeremo a Strasburgo. Più cauti i paesi europei. Il ministro degli Esteri italiano Alfano ha preso tempo: «Prendiamo atto del risultato delle consultazioni e attendiamo il completamento delle verifiche di rito e la valutazione finale degli osservatori Osce – ha detto Alfano – Nel frattempo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi