closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Cattivo maestro io? Sì, inservibile ai poteri»

Intervista. «Sabotare la Tav in Val di Susa è giusto e necessario». Lo scrittore Erri De Luca non arretra di un passo davanti alle minacce di denuncia da parte della società Ltf che realizzerà il corridoio Torino-Lione

No Tav

No Tav

Sabotatore e ben contento. Rivoluzionario? «Non c’è nessuna rivoluzione da fare, nessun potere da prendere: bisogna semplicemente impedire quell’opera». Cattivo maestro? «Mi assegnano un titolo professionale che non ho conseguito: non ho fatto l’università e dunque non ho potuto aspirare alla docenza. Però ad essere cattivo per quei poteri costituiti, io ci sto: intendo essere cattivo, anzi inservibile, alle ragioni di quei poteri costituiti che assediano la Val di Susa». Armi? «Finora sono bastate e basteranno pezzi di resistenza ordinaria, acquistabili in ferramenta». Non è contrario a tutte le "grandi opere", Erri De Luca, che a ogni definizione, scrittore o...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi