closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Caso Pablo Hasél, «la Spagna come la Turchia»

Libertà di espressione ferita. Arresto vicino per il rapper catalano accusato di «Ingiurie alla Corona». Ma in tutto il regno crescono le proteste e le prese di posizione in suo favore, da Almodóvar a Joan Manuel Serrat. Una inattesa mobilitazione che ha convinto i socialisti a promettere una riforma del Codice penale

Pablo Hasél

Pablo Hasél

Rinunciando a cercare riparo all'estero per evitare di finire in cella, Pablo Hasél intendeva suscitare dibattito e mobilitazione a difesa della libertà di espressione. Le iniziative degli ultimi giorni gli danno ragione: la condanna e l'imminente arresto del rapper catalano hanno generato una mini tempesta politica proprio durante la campagna per il rinnovo del parlament. IN TUTTO IL REGNO una quarantina di manifestazioni e presìdi hanno chiesto la libertà per l'artista e la cancellazione delle norme censorie. Nei dieci giorni concessi dal tribunale affinché Hasél si consegnasse spontaneamente a un penitenziario (opzione rigettata dall'artista e "scaduta" alle 20 di venerdì...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.